Italian

Dal magazzino alla fabbrica: Johnson Controls-Hitachi migliora drasticamente la propria efficienza grazie ad un robot MiR200

Il produttore internazionale di sistemi di riscaldamento, ventilazione ed aria condizionata utilizza un MiR200 nel suo stabilimento di Barcellona per consegnare parti e materiali ad una delle sue più recenti linee di produzione e per caricare imballaggi destinati allo smaltimento.

Johnson Controls Hitachi

Ronda Shimizu 1, Poligono Industrial Can Torrella
08233 Vacarisses, Barcelona
Spain
https://www.jci-hitachi.in/#

Johnson Controls-Hitachi Air Conditioning è una multinazionale impegnata nello sviluppo, produzione e commercializzazione di innovativi prodotti legati a riscaldamento, ventilazione ed aria condizionata (HVAC, in inglese) per uso domestico ed aziendale.

 

Lo stabilimento spagnolo della compagnia, situato nella città di Vacarisses, vicino a Barcellona, produce unità per l’aria condizionata per uso industriale e commerciale dal 1993.

Lo stabilimento è costituito da 12 catene di montaggio e varie aree di produzione per l’assemblaggio di prodotti semi-finiti e, con una media di 400 impiegati, quest’anno produrrà 51.000 unità per un giro di affari stimato di 116 milioni di euro.

 

“Il nostro obiettivo è di soddisfare sempre le necessità dei nostri clienti con il massimo della qualità e della flessibilità, lavorando secondo lo standard della Johnson Controls Manufacturing System, premiato e riconosciuto a livello internazionale, e mettendo in pratica il concetto di lean nel nostro processo di produzione”, dichiara Valle Jiménez, assistente manager nel reparto di pianificazione della produzione dello stabilimento.

 

La tecnologia dei robot mobili viene utilizzata per realizzare processi lean

Sempre seguendo questa strategia, la squadra dello stabilimento di Vacarisses è costantemente alla ricerca di opportunità per migliorare le proprie procedure ed aumentarne l’efficienza, non ultimo grazie all’automazione e l’uso di robot. In un’aera in particolare, la squadra è riuscita ad automatizzare con successo il trasporto di materiale dal magazzino ad una delle linee di produzione più recenti della fabbrica.

 

Con il supporto del distributore locale Vicosystems, come elemento centrale di questo nuovo sistema di trasporto è stato scelto un MiR200, per via della sua capacità di carico e del fatto che è stato progettato appositamente per questo genere di lavori. Il sistema è strutturato in modo da consentire al robot di trasportare automaticamente componenti dal magazzino alla linea di produzione, scaricarle usando un sistema Karakuri e caricare imballaggi da smaltire grazie allo stesso sistema mentre ritorna verso il magazzino.

 

 

Un risparmio importante di ore di lavoro

Il robot della MiR è a lavoro, ogni giorno, durante un intero turno di 8 ore, ed i benefici sono stati ovvi dal momento in cui è entrato in funzione. “Il robot ha percorso 750 km nell’ultimo anno e, al momento, ne percorre fino a 12 per turno, il che si traduce in un risparmio di 3 ore di lavoro al giorno, rispetto ad un lavoratore che svolge lo stesso lavoro con un carrello”, dichiara Raúl Galan, section manager nel dipartimento di ingegneria della produzione dello stabilimento. “Ci permette anche di mantenere livelli costanti di materiale sulla linea di produzione ed evita che ci sia bisogno di avere muletti che vadano su e giù per le corsie dell’area di produzione, ottimizzando così la produttività della linea e rendendo la fabbrica un posto più sicuro per tutti”.

 

Flessibile, facile da usare, collaborativo

Il fatto che il robot MiR sia capace di lavorare in collaborazione con il magazziniere nel consegnare puntualmente parti e materiali ai lavoratori nella produzione, così come il fatto che sia veloce e facile da programmare grazie alla sua interfaccia semplice ed intuitiva, insieme con la tecnologia per la mappatura, è stato un fattore chiave nella decisione di optare per il MiR200. “Stavamo cercando una soluzione flessibile che ci permettesse di apportare cambiamenti veloci a processi e struttura dello stabilimento, ma che non richiedesse di modificare le nostre installazioni, come sarebbe invece stato il caso se avessimo usato un AGV con linee magnetiche”, aggiunge Raúl Galan. “La tecnologia per la mappatura utilizzata dal MiR lo rende specialmente adattabile e facile da programmare ogni qual volta si effettuano cambiamenti”.

 

“Il personale dello stabilimento ha accolto il robot della MiR con una certa curiosità nei primi giorni, nonostante fossero abituati a vedere altri tipi di veicoli come gli AGV, all’interno della fabbrica”, racconta Oriol Morgado, tecnico nel reparto di ingegneria della produzione. “Ma si sono presto resi conto che è un valido strumento per migliorare la produttività e la sicurezza sul posto di lavoro. Programmare il robot non è particolarmente complesso ed anche operatori con poca o nessuna esperienza in fatto di linguaggi di programmazione sono in grado di creare e modificare la sua configurazione, se necessario”.

 

“La cooperazione ed il dialogo con la Mobile Industrial Robots ed il loro distributore Vicosystems è stata eccellente, non solo durante la fase di installazione ma anche quando si è trattato di risolvere alcuni piccoli problemi iniziali e di implementare sistemi per ancorare il robot alle unità con scaffali usando un servomotore”, aggiunge.

 

Altri robot MiR saranno schierati nel corso dell’anno

Con un ritorno sull’investimento di meno di due anni, l’esperienza fino ad ora è stata così positiva che Johnson Controls-Hitachi sta già considerando di aggiungere altri robot MiR alla loro flotta. “Abbiamo identificato diversi progetti per i quali potremmo schierare robot mobili nello stabilimento, avendo come priorità il compito di consegnare materie prime alle linee di produzione e trasportare prodotti finiti verso il magazzino”, dichiara Raúl Galan. “Vogliamo aggiungere altri due robot MiR per tali compiti entro l’anno prossimo e stiamo anche studiando il concetto di una soluzione del tipo “follow me” per il processo di raccolta prima della consegna finale ad un punto definito della linea di produzione. Successivamente, come parte della seconda fase, vorremmo utilizzare robot mobili in congiunzione con bracci robotici collaborativi e visione artificiale, con lo scopo di automatizzare processi che combinino sia compiti di trasporto che di assemblaggio”.

 

Johnson Controls-Hitachi Air Conditioning

Johnson Controls-Hitachi Air Conditioning è una compagnia formata attraverso la joint venture tra la giapponese Hitachi Appliances, Inc. e la americana Johnson Controls, Inc. e creata per combinare il meglio di entrambe le compagnie, per offrire un portfolio tecnologico più diversificato ed una maggiore copertura regionale nell’industria del riscaldamento, ventilazione, aria condizionata e refrigerazione. Con sede a Tokyo, la compagnia combina la ricca eredità e la tecnologia innovativa di Hitachi con l’esperienza da leader del settore ed il network globale di Johnson Controls per fornire ai clienti soluzioni innovative nei campi del riscaldamento, della ventilazione e dell’aria condizionata per abitazioni ed attività commerciali in tutto il mondo.

Italian